Rimini Live

Sito ufficiale dell'Intur Fipe

Poggioberni Stampa
ESCURSIONI - POGGIO BERNI

Luoghi Gemmano Intorno al Riminese La Valle del Conca Mondaino Montefiore Montegridolfo Morciano Poggio Berni S.Giovanni Saludecio Santarcangelo Torriana Verucchio Onferno Valle Marecchia Montecolombo Montescudo San Clemente Coriano

A Poggio Berni sono molte le occasioni per apprezzare la buona cucina e l'amore per le tradizioni. E' un paese che negli ultimi decenni, pur trasformandosi, e' rimasto saldamente legato alle sue feste, alla miglior cultura gastronomica, al sentimento di accoglienza della sua gente. E' un angolo di Romagna che mantiene la sua identita'.
L'area di Poggio Berni, compresa fra le vallate del Marecchia e dell'Uso, fu frequentata fin dalla preistoria come indicano i molteplici ritrovamentí di materiali dell'eta' del bronzo e del ferro. Durante il periodo romano prese forma l'attuale abitato che, ha mantenuto, fin ai nostri giorni, il tipico popolamento sparso della centuriazione. I Malatesta sono presenti sul territorio del bernese fin dal lontano 1197. La storia di Poggio Berni e' del tutto particolare rispetto a quella di altri possedimenti dei Malatesta. Non essendo collocato in posizione geografica strategica, il centro con le sue ville nobiliari appare, nei documenti dell'epoca, come bene dotale delle nobili spose. Tragici sono i racconti legati a queste unioni. Parisina, figlia di Andrea Malatesta di Cesena, porta in dote parte del territorio a Nicolo' III d'Este, suo sposo, ma verra' uccisa poco dopo per adulterio. Il gioco alterno di matrimoni ed eredita' introduce Poggio Berni presso le corti di alcune delle famiglie piu' importanti del passato italico: Montefeltro, Della Rovere, Gonzaga, Medici Lorena che inseriscono fra le loro proprieta' il borgo. Nel 1765 la tenuta di Poggio Berni entra a far parte del Regno Pontificio. La Chiesa vende, poi, la proprieta' nel 1778 alla famiglia Albani a cui succedono in seguito i Marcosanti di Sogliano al Rubicone.


I LUOGHI, LE COSE, GLI INCONTRI.


poggioberniL'elemento piu' significativo dei centro moderno e' l'antica tomba (termine usato per indicare una residenza nobile fortificata di campagna, spesso immune da servitu' feudale), piu' nota come Palazzo Marcosanti. L'edificio trasformato nei secoli ha conservato alcuni elementi dell'antica costruzione malatestiana del XIV sec. come i due stupendi portoni ogivali ed alcuni stemmi in pietra dei Malatesta e di altri signori. Di particolare rilievo sono i segni di un passato piu' recente legati alla storia del territorio. Si tratta di ben cinque molini, con trasmissione a ruota idraulica orizzontale, posti sulla fossa detta Viserba.

Attualmente e' in corso un progetto di recupero e valorizzazione di questo importante patrimonio. Per chi fosse interessato ad una visita segnaliamo il molino Moroni in Via Santarcangiolese n' 3651 aperto al pubblico su prenotazione (sig. Moroni Pietro tel 629317).

L'area di Poggio Berni e' uno dei piu' importanti giacimenti fossiliferi della Val Marecchia, risalente al Pliocene. Una bellissima raccolta di pesci fossili della zona si trova presso il Museo della Citta' a Rimini. Il pellegrino attento trova, a pochi chilometri dal centro, in localita' Trebbio, la casa natale del Beato Pio Campidelli, beatificato nel vicino 1985 e divenuto una delle figure piu' care ai fedeli in quest'angolo di Romagna.
 


IL BUS CHE TI PORTA AL
DIVERTIMENTO!

Riviera in Musica